giovedì 28 gennaio 2010

Boccone dopo boccone

"Se nessuno si prefigge di effettuare questo viaggio nelle terre dell'allevamento industriale,è perchè l'ignoranza è per molti la miglior garante della propria tranquillità e del proprio comfort. Prima di sapere, conficcavo anch'io la mia forchetta in una bistecca con spensieratezza. Ma adesso non più. E non lo rimpiango. I viaggi dalle coste della Louisiana alle pianure dell' Oklahoma mi hanno permesso di capire il valore delle mie scelte. Noi viviamo in un mondo in cui dedichiamo più tempo ed energie a scegliere l'iPod giusto,il cellulare migliore e il pantalone all'ultima moda,piuttosto che a scegliere intelligentemente la nostra alimentazione. Ed è un grosso errore. Mangiare rappresenta una tappa essenziale,cruciale. E se in trent'anni ci siamo sbarazzati di questa responsabilità, abbiamo torto. Poichè,affidandola a delle multinazionali - il cui solo interesse è il profitto- abbiamo abbandonato una parte di noi stessi. e quello che avviene dietro le mura delle fattorie industriali è il terribile specchio del nostro fallimento."

William Reymond, Toxic.Obesità,cibo spazzatura,malattie alimentari:inchiesta sui veri colpevoli.


http://www.themeatrix.com/intl/italy/subtitled/


3 commenti:

Artemisia G. ha detto...

Sappi che ho usato buona parte del tuo post per aprire la discussione sui gas nel forum corsaro

Artemisia G. ha detto...

video compreso

Per Sempre Libera ha detto...

Bene!Sappi che questo libro e il frammento che c'è qui in particolare è stato la molla che ha fatto scattare in me molte cose...tra cui il vegetarianesimo latente!
Poi il video è veramente bellissimo!!!!