mercoledì 28 gennaio 2009

Sos necessaria al più presto serata letteraria...

Era una sera, un mese fa. Aspettavo la visita di Julia che ci aveva promesso un nuovo nonno. Eravamo tutti a tavola. Clara e Nonno Bistecca ci avevano cucinato delle quagliette grassocce co-
me i marmocchi dell'orco mangiabambini. Forchette e coltelli alzati, stavamo per addentarcele, tutte nude sui loro canapè, quando d'un tratto: driin!

"E Julie!" esclamo.

E il mio cuore in un balzo è alla porta.
Era proprio la mia Correncon, i suoi capelli, le sue forme, il suo sorriso e tutto il resto. Ma dietro di lei... Dietro di lei, il vecchio più rovinato che avesse mai portato qui. Doveva essere stato
piuttosto alto, ma era così cadente che non aveva più altezza. Doveva essere stato piuttosto bello, ma se i morti hanno un colore, la pelle di quel tizio aveva quel colore. Un pelle cascante, all'interno della quale fluttuava uno scheletro spigolosissimo. Ogni gesto formava un angolo che minacciava di lacerarsi. I capelli, i denti, le unghie e il bianco degli occhi erano gialli. Le labbra non c'erano più. Ma la cosa più impressionante era che all'interno di quella carcassa e in fondo a quello sguardo si indovinava una terribile vitalità, qualcosa di risolutamente indistruttibile, l'immagine stessa della morte vivente che la smania dell'eroina dà ai tossici duri in astinenza.
Insomma, Dracula in persona!
Julius il cane era filato ringhiando a nascondersi sotto un letto. Coltelli e forchette ci erano caduti dalle mani e nei piatti le quagliette avevano la pelle d'oca.
Alla fine, è stata Thérèse a salvare la situazione. Si è alzata, ha preso per mano lo zombi e l'ha portato al suo tavolino, dove ha subito cominciato a costruirgli un futuro, come aveva fatto con
gli altri tre nonni.
Io ho trascinato Julie in camera mia e le ho fatto una scenata bisbigliata della serie furore a denti stretti.
"Ma cosa ti sei, bevuta il cervello? Portarci in casa un rudere in quelle condizioni! Vuoi che ci resti secco proprio qui? Ti sembra forse che la mia vita sia troppo semplice?"
Julie ha un dono. Il dono delle domande che mi troncano la parola. Ha chiesto:
"Non l'hai riconosciuto?"
"Perché? Dovrei conoscerlo?"
"E Risson."
"Risson?"
"Risson, l'ex libraio del Grande Magazzino."
Il Grande Magazzino era il posto dove lavoravo prima delle Edizioni del Taglione. Anche lì facevo il capro espiatorio e sono stato cacciato dopo che Julie ha scritto sul suo giornale un lungo
articolo sulla natura del mio lavoro. C'era in effetti un vecchio libraio, dritto, testa bianca, splendido, pazzo per la letteratura, ma con nostalgie ferocemente nazi. Risson? Ho dato una rinfrescatina all'immagine del vecchio sfatto che Julie ci aveva appena rifilato, e ho confrontato... Risson. Forse. Allora ho detto:
"Risson è un vecchio stronzo, il suo cervello è pieno di merda, non lo reggo".
"E gli altri nonni?" ha chiesto Julie senza smontarsi.
"Cosa, gli altri?
"Che ne sai del loro passato, di quello che erano quarant'anni fa? Spazzola, per esempio, magari era un informatore della Gestapo? Un parrucchiere è uno che registra tutto, no? Quindi uno che
parla... E Verdun? Vivo e vegeto dopo la Grande Guerra, non è che per caso si è nascosto dietro i suoi compagni? E Bistecca, macellaio in Algeria, t'immagini? 'Il macellaio di Tlemcen', non sa-
rebbe male per firmare un massacro..."
Continuando a sussurrare, faceva saltare i nostri primi bottoni e il suo lamento felino scivolava direttamente nel velluto del mio orecchio.
"No, credimi, Benjamin, è meglio non andare a scavare nella vita di nessuno, la prescrizione è una buona cosa."
"Prescrizione, un cazzo! Mi ricordo parola per parola la mia ultima conversazione con il vecchio Risson: quello ha una croce uncinata al posto del cuore."
"E allora?"
(La prima volta che ho visto Julie, stava rubando uno shetland nel reparto maglioni del Grande Magazzino. Le sue dita si avvolgevano su se stesse e la mano aspirava. Ho deciso seduta stante di
diventare lo shetland di Julie.)
"Benjamin, la cosa importante non è sapere cosa un Risson abbia pensato o fatto quando il suo cervello funzionava, ma di combattere i porci che gli hanno ridotto il cervello a un colabrodo. "
Non so come Julie abbia fatto, ma quest'ultima frase fu pronunciata sotto le lenzuola, e mi sembra proprio che nei paraggi non ci fosse più nemmeno l'ombra di un indumento. Ma lei non
mollava il suo argomento.
"Lo sai perché Risson si è ridotto in quello stato?"
"Me ne sbatto."
Era vero. Mi era indifferente. Non più in nome di un'etica antirissoniana, ma perché le mammelle di Julie sono il letto del mio cuore . Ha comunque voluto spiegarmelo mentre mi servivo . E con tutte le dita fra i miei capelli mi ha raccontato l'avventura di Risson.

...

Julius si stacca dalla sua Africa ghiacciata e continuiamo il nostro giretto, con direzione Koutoubia, il ristorante del mio vecchio amico Hadouch e di suo padre Amar. Belleville può tranquillamente contorcersi intorno alle sue budella, nulla modificherà il tragitto del pensatore e del suo sacco di pulci. Al momento, il pensatore sta evocando la donna amata. "Julie, mia Corrençon, dove sei? Cazzo, se tu sapessi quanto mi manchi!" Giusto un anno fa, Julie (che all'epoca chiamavo Julia) entrava discretamente nella mia vita. Donna nomade, mi chiese se accettavo di essere la sua portaerei. "Posati, bella mia, e decolla quando vuoi, ormai io navigo nelle tue acque." Ho risposto qualcosa del genere (Eh sì, com'era bello...) Da allora passo la vita ad aspettarla. Perché i giornalisti di talento scopano solo tra un articolo e l'altro, ecco l'inconveniente. E se almeno sgobbasse in un quotidiano?... ma no, la mia Corrençon si esprime in un mensile. E pubblica solo ogni tre mesi. Sì, l'amore trimestrale, è questo il mio destino. "Perché ti occupi di quei vecchi tossici, Julie? Forse un matusalemme che si fa le pere può essere lo scoop dell'anno?" Dovrei vergognarmi di questa domanda, ma non ho tempo. Una mano, emersa dalla notte, mi agguanta per il collo e mi solleva da terra. Decollo e atterro.


...

D'un tratto, sono stanco del mondo, e non ho sonno. Al diavolo le consegne di sicurezza, alzo il telefono e chiamo Julie. Ho bisogno della sua voce. La voce di Julie per cortesia...Niente, suona vuoto nella notte.


...


"Julia?"

La porta è semiaperta, quando arrivo sul pianerottolo di Julia con in mano le foto della pseudo-infermiera. E dal pianerottolo mormoro:

"Julia?"

Timidamente. Con un duplice battito del cuore: un battito di passione, un battito di preoccupazione.

"Julia..."

E poi sono costretto a vedere quel che non ho voglia di vedere: la serratura è stata forzata. Il catenaccio di sicurezza è saltato.

"JULIA!"

Spalanco la porta. Verdun. (La città.) Insomma, quel che resta dopo. Si fa persino fatica a credere che un giorno tutto questo possa essere ricostruito. La tappezzeria e la moquette sono state strappate, il letto, il divano e tutti i cuscini sono stati sventrati. I mobili sono stati smontati asse dopo asse prima che tutto venisse spaccato. I libri della libreria giacciono squartati in mezzo al massacro, le pagine sono state strappate a manciate. La tivù e lo stereo sono stati svuotati delle loro viscere elettroniche e le due metà del telefono sono volate da un lato e dall'altro del loft, come separate da un colpo di machete. La tazza del cesso è stata strappata dallo zoccolo, la corazza stagna del frigo giace in terra a pancia in su, i tubi dell'acqua sono stati portati alla luce e tagliati su tutta la lunghezza. L'impiantito di legno è saltato, listello dopo listello, sistematicamente, e con esso il battiscopa.

Niente Julia.

Niente Julia?

O niente più Julia?

Il cuore mi batte in modo bizzarro nel petto. Un battito che non conosco. Solitario. Che rimbomba nell'enorme vuoto. Come un appello che non verrà mai più udito. Mi è appena stato trapiantato un nuovo cuore, un cuore di vedovo. Perché gente che è capace di ridurre così un appartamento può fare di tutto quando ha fra le mani una Julia. L'hanno uccisa. Me l'hanno uccisa. Mi hanno ucciso Julia.


Ci sono quelli che vengono schiantati dal dolore. Quelli che diventano pensosi. Ci sono quelli che parlano del più e del meno sull'orlo della tomba, e continuano in macchina, del più e del meno, neanche del morto, di piccole cose domestiche, ci sono quelli che dopo si suicideranno e non glielo si vede in faccia, ci sono quelli che piangono molto e cicatrizzano in fretta; quelli che annegano nelle lacrime che versano, quelli che sono contenti, sbarazzati da qualcuno, ci sono quelli che non riescono più a vedere il morto, tentano, ma non ce la fanno, il morto ha portato con sé la propria immagine, ci sono quelli che vedono il morto ovunque, vorrebbero cancellarlo, vendono i suoi tre stracci, bruciano le sue foto, traslocano, cambiano continente, ci riprovano con un vivo, ma niente da fare, il morto è sempre lì, nel retrovisore, ci sono quelli che fanno il pic-nic al cimitero e quelli che lo evitano perché hanno una tomba scavata nella testa, ci sono quelli che non mangiano più, ci sono quelli che bevono, quelli che si domandano se il loro dolore è autentico o costruito, ci sono quelli che si ammazzano di lavoro e quelli che finalmente si prendono una vacanza, ci sono quelli che trovano la morte scandalosa e quelli che la trovano naturale con-l'età-per-cui, circostanze-che-fanno-sì-che, è la guerra, è la malattia, è la moto, la macchina, l'epoca, la vita, ci sono quelli che trovano che la morte sia la vita.

E ci sono quelli che fanno una cosa qualsiasi. Che per esempio si mettono a correre, a correre come se non dovessero mai più fermarsi. È il mio caso.


...

Il torrente è contro di me, ma niente può fermare l'uomo che corre quando non ha più meta, perché io corro in direzione del cimitero Père Lachaise e questa non si può chiamare una meta, la mia meta era Julia, la mia bella meta segreta, nascosta ben in profondità sotto la montagna degli obblighi, era Julia, ma io corro e non penso, corro e non soffro, la pioggia nera mi dà le ali cangianti del pesce volante, corro per miglia e miglia quando la semplice prospettiva di fare un centinaio di metri mi ha sempre fatto stramazzare, corro e non smetterei mai di correre, corro nella duplice piscina delle scarpe dove le mie idee annegano, corro e in questa mia nuova vita di corridore sottomarino - è incredibile come uno si abitui! - appaiono le immagini, perché si può sempre correre più in fretta delle idee, ma le immagini, quelle, nascono dal ritmo stesso della corsa, appartamento devastato, largo viso di Julia, piccolo cuscino pugnalato, brusca smorfia di Julia, telefono decapitato, urlo improvviso di Julia (è "questo" che hai visto, Julius?), grido anche di Julius, lungo grido straziato, battiscopa strappati dal muro, Julia sbattuta in terra, adesso corro di pozzanghera in schiaffo, di schizzo in urlo, ma non solo, ampio salto di canaletto di scolo e prima apparizione di Julia nella mia vita, l'ondeggiamento della sua criniera e quello dei suoi fianchi, libri squartati ma seni pesanti di Julie, colpi, schiaffi e colpi, ma grande sorriso di Julia sopra di me: "In argot spagnolo amare si dice comer," correre per essere mangiato da Julie, frigorifero disossato, cosa volevano sapere? E il pensiero che raggiunge le immagini, il pensiero così veloce nonostante il suo fardello di terrore, sapere cosa sapeva Julie, ecco quel che volevano, "meno ne saprai, Ben, e meglio sarà per l'incolumità di tutti". È vero, Julie, che non mettano di nuovo le mani su quei poveri vecchi, "non telefonarmi, Ben, non venire da me, tanto adesso mi eclisserò per un po'", ma se sono loro a venire da me, mentre corro come un coglione, e se fosse proprio questo quel che volevano sapere, il nascondiglio dei nonni, e se ora lo sanno, e se avessero fatto il percorso inverso, loro, entrando di forza in casa mentre la mamma è sola con i bambini e i nonni? Pozzanghere, schiaffi, canaletti di scolo, terrore, attraverso il viale all'altezza del liceo Voltaire, clacson, imprecazioni, slittate e ammaccamenti, ma mi sono già tuffato come un gabbiano ubriaco in rue Plichon, ho attraversato rue du Chemin-Vert e sono venuto a schiantarmi contro la porta della ferramenta. I campioni sono terrorizzati, non c'è altra spiegazione. I campioni corrono a rotta di collo sotto l'effetto del terrore che polverizza tutti i record.

L'urto ha fatto esplodere uno dei vetri smerigliati e quando spalanco la porta di casa nostra un caldo rivolo di sangue mi cola sulla faccia, insieme alla brodaglia fredda del cielo. La ferramenta è vuota, ma non di un vuoto qualsiasi. Il vuoto precipitoso, il vuoto del distacco violento. Il vuoto dell'ultimo secondo. Il vuoto imprevisto che pianta in asso tutto. Il vuoto che dovrebbe essere pieno. Nessuno. Nessuno eccetto la mamma, immobile sulla sua poltrona. La mamma che gira verso di me un viso inondato di lacrime e mi guarda, come se non mi riconoscesse.


...

Verdun, mio vecchio Verdun, è proprio così. Nessuna notizia al mondo mi ha mai sollevato quanto quella della tua prossima morte. Te lo dico chiaro, nel taxi che mi scarrozza verso l'ospedale, perché arrivato lassù tu possa cominciare da subito a perorare la mia causa. Non me ne vorrai, vero, se ho preferito la tua morte a un'altra, lo sai bene tu che cos'era l'esplosione di uniformi che non erano la tua? Ma l'Altro, lassù, l'Immenso Pirla, mica lo sa, lui, mica l'ha fatta la guerra, ha solo assistito, da molto in alto, per di qua le anime valorose. Non ha neanche fatto l'amore, Tutto Amore, pare, quindi non sa niente della meschina gerarchia dell'amore che fa sì che si preferisca la morte di un Verdun a quella di una Julia...

E Julia, adesso lo so grazie a te, Julia è immortale! Si sono accaniti contro il suo appartamento perché non hanno potuto mettere le mani su di lei e hanno torturato i suoi mobili perché lei gli è scivolata fra le mani, il che peraltro non ha nulla di sorprendente con il suo pedigree di avventuriera inafferrabile. Persino io non riesco a bloccarla in un letto. Diglielo da parte mia, Verdun, che me lo pagherà caro questo sollievo, al momento dei conti! E già che ci sei, diGli anche che Gli farò pagare la febbre spagnola della tua piccola Camille, di averti aiutato ad attraversare vivo cinque anni di tempesta d'acciaio per poi sparare quell'ultima raffica (o sublime raffinatezza): la febbre spagnola, e ucciderti la piccina, la tua piccina, la bambina per cui ti eri dato tanto da fare per restare in vita! Così rimuginavo con foga, nel taxi che mi porta da Verdun, rivolgendomi a Colui che se esiste prova che la merda è, come sospettavamo, all'origine del mondo, e che se non esiste, Innocenza quindi, è ancora più utile, capro come me, capro espiatorio, all'origine di niente ma responsabile di tutto. Sul parabrezza, i tergicristalli tagliano la tempesta. Si direbbe che sono il nostro unico mezzo di propulsione. Anche il tassista, come me, ce l'ha con l'Altissimo.


...

È Julia! È Julia! La mia Corrençon! Nel mio letto! Ha una gamba di gesso, una flebo nelle vene, tracce di ecchimosi in faccia, ma è Julia! Viva! La mia Julia, porco cane! Dorme. Sorride. Alla sua destra, in piedi, c'è Louna, e davanti al letto Jérémy, che me la mostra con un gesto teatrale annunciando:

"Zia Julia".

Chino sul letto come su una culla, faccio tutte le domande contemporaneamente:

"Cos'ha? Dove l'avete trovata? È grave? Chi l'ha ridotta così? È dimagrita, no? Quei segni sulla faccia cosa sono? E la gamba? Ma cosa ci fa qui? Perché non è all'ospedale?"

"Appunto," dice Jérémy.

Segue un silenzio vagamente inquietante.

"Appunto, cosa, perdio, appunto?"

"Appunto, era all'ospedale, Ben ma non la curavano bene."

"Cosa? Quale ospedale?"

"Saint-Louis, era all'ospedale Saint-Louis; ma non la curavano per niente bene," ripete Jérémy, i cui occhi lanciano degli Sos a Louna.

Silenzio. Silenzio durante il quale, più morto che vivo, finisco per dire:

"E perché non si sveglia quando parliamo?"

Ora Louna viene finalmente in aiuto a Jérémy: "È drogata, Ben, ci metterà un po' a svegliarsi, era già drogata quando l'hanno portata all'ospedale e lì hanno continuato a drogarla perché lo choc del risveglio non fosse troppo violento".

"Risultato, se l'avessimo lasciata all'ospedale non si sarebbe svegliata per niente," spara Jérémy. "Almeno, questo è quello che diceva Marty l'altro giorno."

Questa volta l'occhiata che gli lancio lo invita a spiegarsi subito:

"Ti ricordi quello scazzo tra il dottor Marty e un altro medico, Berthold si chiamava, quando io e te siamo andati alla morte di Verdun? Ti ricordi Ben? Che Marty urlava: 'Se continua a drogarla così finirà per ucciderla,' be', tornando ho buttato un occhio nella camera che indicava Marty, e nel letto c'era zia Julia, Ben, proprio lei!"

Come prova mi mostra la mia Julia, stesa sul mio letto.

Ecco dunque cos'hanno fatto, Jérémy e Louna, senza chiedere il parere di nessuno. Hanno semplicemente rapito Julia. L'hanno fatta uscire dall'ospedale, con la scusa di portarla a fare le radiografie. L'hanno caricata su una barella, le hanno fatto attraversare chilometri di corridoi, Louna con il suo camice da infermiera e Jérémy in lacrime a fare la parte della famiglia ("non preoccuparti, mamma, non è niente, vedrai"), poi sono usciti belli tranquilli, l'hanno caricata tutta addormentata nella macchina di Louna e poi, via!, fino alla mia stanza. Ecco qua. Un'idea di Jérémy, e adesso sono tutti fieri, tutti contenti, aspettando i complimenti del fratello maggiore, visto che secondo loro il ratto di un malato da un ospedale è un'azione che merita una medaglia... D'altra parte, mi hanno riportato la mia Julie. Fedele a me stesso, esito quindi fra due estremi: fare la sfuriata del secolo o stringermeli al cuore. Mi limito a domandare:

"Avete un'idea di come reagirà l'ospedale?"

"L'ospedale la stava uccidendo!" esclama Jérémy.

Silenzio del fratello maggiore, lungo silenzio meditativo. Poi, la sentenza:

"Siete dei tesori, tutti e due, mi avete dato la più grande gioia della mia vita... e adesso fuori dalle palle se non volete che vi riempia di botte..."

Dev'esserci qualcosa di convincente nella mia voce perché obbediscono immediatamente ed escono a ritroso dalla stanza.


...

Avevo passato la notte vicino a Julie. Ero scivolato accanto a lei con un progetto molto semplice: resuscitarla. Quei porci che l'avevano rapita le avevano bruciato la pelle con le sigarette. C'erano ancora le tracce e ora somigliava a un grosso leopardo addormentato. Vada per il leopardo, purché rimanga la mia Julia. Non erano riusciti a cambiare il profumo della sua pelle, né il suo calore. Dovevano aver picchiato forte sul viso, ma la mia Corrençon ha un viso solido da montanara, e anche se i suoi zigomi erano ancora bluastri, non avevano ceduto alle botte e lo stesso dicasi per la falesia della sua bella fronte. Non le avevano rotto i denti, le avevano spaccato le labbra, che si erano richiuse e ora nel sonno mi facevano un sorriso paffuto ("amare, in argot spagnolo si dice comer"). Le avevano spaccato una gamba, irrigidita nel gesso fino all'anca, e sull'altra caviglia aveva un anello di cicatrici come se l'avessero messa in ceppi. Eppure nel suo sorriso c'era una sorta di certezza beffarda. Ce l'aveva fatta, non erano riusciti a farla parlare. (Ci metto la mano sul fuoco!) Doveva aver finito il suo articolo e l'aveva nascosto da qualche parte. Gli idraulici che le avevano smontato l'appartamento cercavano proprio quello. Ma il suo sorriso diceva a quegli stronzi che lei non era una giornalistucola qualsiasi che lasciava in giro per casa le minute di un affare del genere. But where? Dove hai nascosto i tuoi fogli, Julie? In realtà non avevo granché fretta di conoscere la risposta. Chi dice verità dice processo, chi dice processo dice testimonianze, chi dice testimonianze dice un esercito di sbirri, di giudici e di avvocati intenti a scuotere i miei nonnini dai piedi per far risputar loro tutto quello che io e i ragazzi siamo così faticosamente riusciti a fargli dimenticare.

D'altro canto, lasciare che la faccenda tiri per le lunghe vuol dire permettere a quei bastardi di drogare altri nonni, e il mio appartamento non è abbastanza grande né la mia vocazione abbastanza forte per dare alloggio a tutti i vecchi tossici della capitale. Un antenato per ogni moccioso scodellato dalla mamma mi sembra una quota più che sufficiente.

Ero quindi disteso accanto a Julia, oscillando fra questi pensieri contraddittori, quando decisi di combatterli con una risoluzione molto semplice: riportare Julie nel regno della coscienza. Conoscendola come la conosco io, sapevo che per fare questo c'era un solo mezzo: il trucco del principe azzurro. Sì, sì, lo so, ciò significa abusare vergognosamente della situazione, ma appunto, il più grande piacere mio e di Julia è abusare l'uno dell'altro senza ingannare noi stessi. Se mi avesse trovato al suo posto in questo momento, mellifluamente comatoso da una buona quindicina di giorni, da un pezzo avrebbe "tentato con ogni mezzo" (come dicono i responsabili) di ridarmi almeno la coscienza del suo splendido corpo. La conosco, va là. E visto che da viva è così gentile ho deciso di amarla addormentata. I primi a riconoscermi sono stati i suoi seni. Poi il resto è venuto appresso (saggia e lenta progressione del piacere di cui lei ha il segreto) e quando ho capito che la casa mi veniva aperta, parola mia, ci sono entrato.

Abbiamo giocato, poi dormito insieme finché qualcuno stamattina non è venuto a martellare di colpi la porta della mia stanza, e la voce di Jérémy si è messa a sbraitare:

"Ben! Ben! La mamma si è svegliata!"

Queste sono le tipiche cose che succedono a me: scopo con la mia bella addormentata nel bosco ed è la mamma a svegliarsi...

Perché accanto a me Julia continua a dormire, senza ombra di dubbio Oh! certo, posso testimoniare del risveglio interiore, ma il bel viso rimane chiuso, con sulle labbra lo stesso mezzo sorriso sfrontato che ieri ho analizzato con tanta finezza.



...


"Sono andati, Benjamin."

Thérèse mi comunica la notizia nel modo più freddo. Thérèse, la mia sorellina clinica, mi spezza in due il cuore con un delizioso colpo di bisturi.

"Sono partiti un'ora fa."

Clara e io restiamo sulla porta.

"Hanno lasciato una lettera."

(Perfetto. Una lettera in cui mi annunceranno che se ne sono andati. Perfetto...) Clara mi sussurra all'orecchio:

"Non dirmi che non te l'aspettavi, Ben?"

(Oh, sì che me l'aspettavo! Ma chi ha detto, mia Clarinette, che le disgrazie previste sono più sopportabili delle altre?)

"Dài, entra, siamo in piena corrente!"

Infatti la lettera è lì, sul tavolo della sala da pranzo. Quante lettere, in quanti film, su quanti comò, tavolini, caminetti, ho potuto vedere nella mia vita? Ogni volta mi dicevo: che cliché! uh, che stupido cliché!

Oggi, il cliché mi aspetta, bello rettangolare, bello bianco, sul tavolo della sala da pranzo. E rivedo Pastor inginocchiato al capezzale di Julia... È vergognoso approfittare di una donna addormentata! Quante false promesse deve averle sciorinato all'orecchio mentre lei era lì indifesa... disgustoso!

"Il cuore mi sanguina, Thérèse, non avresti un cerotto, qualcosa?"

(Non avrò mai il coraggio di aprire quella lettera...)

Clara deve sentirlo perché si avvicina al tavolo, prende la busta, la apre (non l'hanno neanche incollata), tira fuori la lettera, la scorre, lascia cadere con aria sognante il braccio ed ecco che la piccola neve finta scende al rallentatore nel suo sguardo di ragazzina.

"L'ha portata a Venezia, al Danieli!"

"Si è tolta il gesso, per l'occasione?"

È tutto quel che riesco a dire per cementare lo squarcio. ("Si è tolta il gesso?" non è male, no?) Forse... ma a giudicare dal duplice sguardo delle sorelline, la cosa non deve essere molto chiara.

Visibilmente, non colgono. Poi, all'improvviso, Clara capisce. E scoppia a ridere:

"Ma non è con Julia che Pastor è andato via, è con la mamma!"

"Prego? Ripetimelo un attimo, tanto per sapere?"

"Credevi che fosse andato via con Julie?"

È stata Thérèse a farmi la domanda. Non ride, lei, e continua:

"Ed è così che reagisci? Un uomo se ne va con la donna della tua vita e tu rimani lì impietrito su una porta aperta senza muovere un dito!"

(Cazzo, la piazzata!)

"È questa tutta la fiducia che hai in Julie? Ma che razza di innamorato sei, Ben? E che razza di uomo?"

Thérèse continua a sgranare il suo rosario di domande assassine, ma io sono già sulle scale, salendo i gradini quattro a quattro verso la mia Julia, volando verso la mia Corrençon, come il bambino già perdonato, sì mia Thérèse, sono un innamorato pieno di dubbi, ho il cuore che dubita. E perché mi si dovrebbe amare? Perché io invece di un altro? Puoi rispondere a questo, Thérèse? Ogni volta è un miracolo quando constato che sono proprio io! Tu preferisci i cuori muscolosi, Thérèse? I grossi cuori che pompano certezze?


Molte ore più tardi, dopo che Clara ci aveva portato la nostra omelette a letto, molte ore più tardi, dopo che Julius aveva ripulito la sua ciotola, Julie e io i nostri piatti, molte ore più tardi, dopo che il cadavere della nostra seconda bottiglia di Veuve Clicquot era rotolato ai piedi del letto, molte ore più tardi, corpi e cuori appagati, sfiniti, sbronzi, spompati, la mia Julie (la mia Julie, cazzo!), la mia Julie domanda:

"Allora, questa visita a Stojil?"

E mi sento rispondere, con quel poco di fiato che mi resta:

"Ci ha sbattuti fuori".


...



Molto più tardi ancora, dopo una seconda omelette, una terza Veuve e nuovi abbracci sono stato io a domandare:

"Secondo te, perché Pastor è andato via con la mamma?"

"Perché l'aspettava da sempre."

"Aspettava cosa?"

"Un'apparizione. Stando a quel che mi diceva mentre ero incosciente, poteva innamorarsi solo di un'apparizione."

"Era di questo che ti parlava?"


...

martedì 27 gennaio 2009

maledizione

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo.
Come una rana d'inverno
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole:
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.

insomma, ricordate, informatievi, comprendete, schieratevi, agire o sarete maledetti dallo stesso ripetersi degli eventi...e questo che leggo nelle parole di Primo Levi

Ogni tempo ha il suo fascismo: se ne notano i segni premonitori dovunque la concentrazione di potere nega al cittadino la possibilità e la capacità di esprimere ed attuare la sua volontà. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col timore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando o distorcendo l'informazione, inquinando la giustizia, paralizzando la scuola, diffondendo in molti modi sottili la nostalgia per un mondo in cui regnava sovrano l'ordine, ed in cui la sicurezza dei pochi privilegiati riposava sul lavoro forzato e sul silenzio forzato dei molti. (dal Corriere della sera, 8 maggio 1974).

lunedì 26 gennaio 2009

A volte del mio meglio non basta....



Una di quelle giornate che ti lascia senza sangue,
una di quelle giornate che finisce con una perdita,
da farti sentire svoutato dall'engergia della vita,
forse perchè se l'è portata via con lei.
E sono lì davanti al suo piccolo corpo che viene rianimato dalla violenza di un massaggio cardiaco,
sempre più disperato

"Dichiariamo il decesso?"
No.

Prova con un bolo di adrenalina che inietti nelle sue vene
e
senti crescere anche nelle tue.

I suoi occhi d'improvviso dilatati,
ma cosa vedi?
La morte?
e com'è?
Cos'hai visto?
Cos'hai visto che adesso non vedi più nulla?
E tu sei il mio caso numero 9257.
Sei solo un British shothair femmina di quattro anni.
Sei la creatura di cui ho letto tutta la storia clinica,

di cui ho discusso della tua diagnosi col Prof,
sei tu il mio caso di questa lunghissima giornata di chirurgia,
sei nelle mie mani,
perchè oggi sarò io a prendermi cura di te.

Ho le tue lastre,
corro in laboratorio a centrifugare il tuo sangue,
e a ritirare il referto del tuo versamento toracico.
Chilo.
Ti addormentiamo,
siamo tutti preoccupati perchè il tuo piccolo cuore già sta male,
e l'anestesia fa paura,
e anche l'intevento
durante il quale ti terrò il cuore tra le mani
per 3 ore e mezza

...basta che vivi...vivi, ti prego...
E l'operazione va bene,
ti svegli,
e appena respiri anche noi tiriamo tutti un respiro di sollievo.

Ma poi cos'hai visto?

Perchè il tuo cuore all'improvviso,
cogliendoci tutti alla sprovvista,
quel tuo cuore,
che ho tenuto nelle mani,
queste mie mani,
per così tanto tempo,
per farti vivere ancora,
ha smesso di battere?
Perchè sai,
non credo che tutti possano tenere un cuore fra le mani,
ma io ne sono capace,
so cosa vuol dire...
il tuo piccolo cuoricino che batte veloce
bumbubmbumbumbumbumbumbumbumbumbumbumbbumbumbumbumbumbumbum
So cosa vuol dire tenere un cuore tra le dita,
e prendermene cura
So quanto fragile può esser una vita,
e a volte vorrei che qualcuno si prendesse cura del mio
tenedolo tra le mani,
mani che in qualunque momento possono stritolarti
e ucciderti
o possono aiutarti a guarire
...

domenica 25 gennaio 2009

Piccolo proverbio taoista

Proverbio taoista, piccolo: 'Se domani, dopo la vittoria di stanotte, contemplandoti nudo allo specchio scoprirai un secondo paio di testicoli, che il tuo cuore non si gonfi di orgoglio, figlio mio, vuol semplicemente dire che ti stanno inculando'.

Se solo sapeste cosa c'ho per la testa.....



1- Revolution is the only solution!!!!


2- .G, dove sei....???!Manchi da ore, eppure mi hai detto che uscivi a buttare la 'mmunnezza...stai seguendo il sole verso ovest???Dove sei????Il sole è orami tramontato!!!


3- Hennè, Yogurt naturale, Aceto Balsamico e chi più ne ha più ne metta...



4-Come posso conquistare il mondo???



5- L'Altissimo de sora me manda la tempesta...l'Altissimo de soto me magna quel che resta...



6-Cosa cucino a cena???



7-Perchè il dodo si è estinto? e come sarebbe l'Universo adesso grazie alla sua presenza?



8-Sto pensando!!!!!!Ma dai!!!



9- Perchè io??? Perchè non un'altra?! Cos'ho....



10-Mnnnnnnnnnnnnnnnch...e tutto quel che segue....



11-Dove l'ho messo...dove diavolo....ah ecco!!!!!Il mio primo ricordo....ricordo mio nonno...



12-....%&*éé-+-,àtgygh**/°çé+++***



13-...fate vobis...


I just wanna run...AROUND THE WORLD....

sabato 24 gennaio 2009

Trovato!!!!


"Facciamo un gioco, okay? Devi scoprire da solo dove posso avere avuto voglia di andare uscendo da casa di Marie-Colbert. Immaginami per strada, in lacrime, con il mio fagotto, quella porta definitivamente chiusa alle mie spalle.
Dove andare, adesso. La ferramenta? Per nulla al mondo. Da Louna? Louna avrebbe accresciuto la mia disperazione. Allora? "
Il tutto detto con un'allegria da maestrina, come se quella fosse una serata in colonia e il gioco consistesse nel farmi trovare un ninnolo nascosto in camera nostra aspettando l'ora di spegnere le luci.
"Puoi arrivarci benissimo, Benjamin. Fai uno sforzo. Mettiti al mio posto. Perché io," precisò, "ho fatto esattamente quello che avresti fatto tu!"
Non vedevo proprio come arrivarci. Il panico doveva avermi piazzato una mega benda sugli occhi.
"Dai," insisteva Thérèse, "quando tutto va a rotoli, quando sei pieno di grane fin sopra i capelli, quando Jérémy dà fuoco alla scuola, per esempio, o quando ti accusano di far scoppiare le bombe al Grande Magazzino, da chi vai, Benjamin? E quando ti chiedi dove ha passato la notte tua sorella Thérèse, a chi vai a chiederlo?"
Dio santo...
"Fuochino, fuochino, ci sei quasi, il numero 3 di rue aux Ours è a duecento metri da casa di Marie-Colbert..."
Ho alzato gli occhi su Théo che ha subito messo le mani avanti.
"Hervé e io abbiamo cercato di dirtelo, Ben, che era venuta, ma non siamo riusciti ad aprire bocca. Ci hai detto di rispondere alle tue domande con un sì o con un no e appena ci allargavamo un po' cominciavi a dare i numeri."
"Assolutamente spaventoso," confermò Hervé.
"L'unica cosa che non ci hai chiesto era se Thérèse fosse venuta da noi. Sei entrato come un pazzo e sei uscito come un bolide..."
Thérèse aprì le mani dell'evidenza:
"Benjamin, ho fatto come abbiamo sempre fatto in famiglia quando le cose si mettono male, sono andata da Théo".
"Stop ! "
Ho urlato "Stop!".
E ho spiegato il più pacatamente possibile che non me ne fregava niente di quella tappa interme-
dia. Thérèse era passata da Théo dopo essere uscita da casa di Marie-Colbert, d'accordo, non avevo dato modo a Théo di dirmelo, va bene, Théo era il rifugio episodico della tribù alla deriva, era vero, grazie Théo, viva Théo, gliene sia reso grazie, ma adesso volevo sapere cosa aveva fatto Thérèse quella notte, dopo essere andata a piangere sulla spalla dell'inestimabile zio Théo.
"Dio santo, Thérèse, dove hai passato il resto di quella cazzo di notte? Sento che sto per incavolarmi! Dove sei andata dopo?"
A quel punto si sono messi a parlare tutti e tre insieme,
Thérèse per dirmi che non c'era stato alcun dopo, che quella era la fine della caccia al tesoro amoroso, che era corsa da Théo per non andare a buttarsi nella Senna, donna perduta ancora prima di essere donna, in uno stato, Ben, non te lo puoi immaginare, confermò Théo, convin-
ta, poverina, rincarò Hervé, che non avrebbe mai più amato né sarebbe stata amata, mentre noi eravamo in pieno amore, ricordò inutilmente Théo, e quindi l'avevano accolta entrambi d'un solo slancio, circondata con le loro braccia, riscaldata con il loro respiro, asciugate le lacrime, le avevano aperto il loro letto, scostate lenzuola e coperte sulla tragica nudità di quella disperazione, così tanta dolcezza, ammise Thérèse, così tanta dolcezza la restituiva pian piano alla condizione di donna che la sua passione per Marie-Colbert le aveva comunque fatto intravedere.
Nulla era perduto, cominciava a pensare, restava ancora qualche brace, oh appena rosseggiante, quasi prossima alla cenere, certo, ma che ancora brillava di una parvenza di scintilla, e avevano quindi soffiato su quelle braci come avrei fatto io al posto loro se Thérèse non fosse stata mia
sorella, non era quella la loro vocazione, d'accordo, ma l'urgenza colmava quei divari, avevano sentito la missione primaria di non lasciar morire il fuoco dell'umanità, concordavano del resto con Thérèse su quel punto, la questione dei bambini, anche di ciò, Ben, abbiamo cercato di
parlarti, la questione dei bambini, ma tu non volevi sentire proprio niente, l'importantissima questione dei bambini - e qui anche il papa avrebbe dato loro ragione - tanto che di braci in fiammelle e di fiammelle in gioiosa fiammata, di fiammata in incendio, avevano tutti e tre fatto divampare un fuoco che non si erano nemmeno immaginati, e tuttavia un fuoco concertato giacché pensavano solo all'avvenire di Thérèse, che non si era sposata per spassarsela, Thérèse, ma proprio per l'avvenire, che ha sempre la faccia di un bambino, un bambino che, tra parentesi, non sarebbe capitato nella peggiore delle famiglie, tirato su da Benjamin Malaussène, figuratevi, quanti bambini vorrebbero essere al suo posto, desidererebbero fregargli un papà del genere, e dopo aver risolto la questione decisiva dell'educazione si erano messi tutti e tre a plasmare l'av-
venire, tutti e tre a fabbricare l'avvenire, gioiosamente, prima per dovere di consolazione, poi per pura allegria, giacché la felicità del bambino nasce nel piacere del suo concepimento, tutti i manuali di pediatria te lo confermeranno, Benjamin, un gioioso scatenarsi di buone volontà,
dunque, tanto che gli altri inquilini del palazzo si erano svegliati, offesi, furibondi, picchiando contro tutte le pareti e con tutto l'ardore della loro frustrazione, urlando che avrebbero sporto ogni possibile denuncia a ogni possibile livello, come sempre quando la vita vera si manifesta, ma
loro non se ne curavano, erano l'avvenire in cammino, non solo quello di Thérèse, il sontuoso avvenire della specie umana...
Finché Thérèse, la quale, sia detto per inciso, era più che dotata, altamente inventiva, come succede quando uno si dà anima e corpo a un progetto che merita, finché Thérèse non li lasciò lì, più morti che vivi - nello stato in cui li avevo trovati - completamente svuotati della vita di cui l'avevano riempita, li lasciò lì boccheggianti e corse via, sotto gli insulti che piovevano dalle finestre, verso un taxi libero.
"volevo tornare a casa prima dell'alba, avevo paura che mi sgridassi, Benjamin",
la storia è tutta qui, e se Thérèse non aveva detto niente davanti al sostituto procuratore Jual
non era per l'onore del solo Théo, né per quello di Hervé, no, Thérèse aveva salvaguardato l'onore dell'omosessualità, con la O maiuscola, niente meno, ecco cosa aveva fatto, era sublime!
Guaiva Théo.
"Sublime," confermò Hervé, "Thérèse è stata sublime!"
Un'acme dell'entusiasmo.
Che Thérèse lasciò ricadere lentamente.
Prima di esclamare che qualcuno era stato ancora più sublime, che anche Théo e Hervé non avevano lesinato in fatto di sublime per tirarla fuori di prigione, e che proprio quell'eroismo doveva aver fatto una così forte impressione sugli ispettori Titus e Silistri.
....

Nove mesi dopo - e per la prima volta nella mia lunga esperienza in questo campo - ho visto un bambino uscire dalla pancia della mamma girando la testa a destra e a sinistra. Era una femmina. Papà Théo da un lato, papà Hervé dall'altro, mamma Thérèse nel suo letto bianco: sul momen-
to parve soddisfatta...
Poi la sua piccola fronte si corrugò e lei rifece i conti. In piedi dietro Hervé, un terzo candidato
sembrava emozionato quanto gli altri due. Lei notò forse che con il dorso della mano il terzo candidato accarezzava il palmo della mano di papà Hervé? Notò forse che, dall'altro
lato del letto, papà Théo disapprovava quel gesto del sostituto procuratore Jual? Sta di fatto che quando alla fine gli occhi della piccola nuova si posarono su di me, vi lessi tutta la sua consapevolezza della complessità del mondo e un'ardente preghiera di spiegargliene le istruzioni per l'uso.

TENACIA MI HA LASCIATO

HO PERSO PAZIENZA, TENACIA MI HA LASCIATO,

PENSAVO D'ESSER FATTA PER IL 46,7 % DI PAZIENZA,

IN PESO,
CIOE' UN BEL PO'...BOH, PERSA, FINITA,
RESTA SOLO IL FONDO, NON BASTA NEANCHE PER FARNE UNA CAFFETTIERA,

A RACCOGLIER TUTTA LA PAZIENZA CHE HO PERSO PER STRADA NELLA MIA VITA,
A CONCENTRARLA TUTTA SU UN OBIETTIVO,

MAGARI

SI TRASFORMEREBBERO TUTTE LE ROCCE PRIMARIE IN METAMORFICHE IN UN SOLO MATTINO,
IN UN MESE IL PD PRENDEREBBE UNA SVOLTA COMUNISTA...

NO,VANEGGIO, NON E' COSI' FORTE LA PAZIENZA,
EPPURE ERA LA MIA FORZA.

DOMANI, COMPRARE:
SHAMPOO
CAFFE'
SALE
LIMONI
PAZIENZA
RIVOLUZIONE

CHE DITE, LE TROVO AL SUPERMERCATO?
senza...
sono,
siamo,
SENZA....

mercoledì 21 gennaio 2009

Vanesie post-esame



















Non si dorme da giorni...abbiate pazienza per la caduta di stile!!!

martedì 20 gennaio 2009

Preferisco l'UOMO ONOMATOPEICO...

uno verboso porta presto a noia...


"Mnnnnnnnch...."

lunedì 19 gennaio 2009

AUGURI REGISTA!


Il nostro caro regista compie gli anni... rumors poco attendibili diocono che compie 30 anni, altri 35 perché il numero di capelli bianchi è indice di vecchiaia...
Smentendo queste voci tendenziose, siamo felici di augurare al noto e fantasioso regista Mattia Temponi un sincero buon compleanno... chissà che invece di voler ricevere i soliti regali non sia lui a donare qualcosa ai suoi fans... magari la tanto attesa trilogia di CFU... magari.
HAPPY BIRTHDAY
MR. DIRECTOR
!!

"1/4 di secolo dà da pensare"

domenica 18 gennaio 2009

NON APRITE QUELL'AGENDA!!!




AGENDA, senza sarei persa...e anche Te (visto che l'hai lasciata qui sulla scrivania! ma chissà dove hai la testa!!??!! fortuna che sei carino!!!! E ora hai una scusa per chiamarmi!)

E allora cosa fai quando sei abbastanza grande e anche i tuoi amici lo sono?? Quali i diletti dell'essere praticamente adulto?

Che si fa?

Sesso, droga e rock and Roll. Già fatto.

Laurea?!....sempre più vicina (...una luce in fondo al tunnel...)

Scrivo un libro, magari sulle avventure erotiche di .G (sicuramente un best-sellers!!)...work in progressssss

Vado a vivevere fuori casa. Già fatto.

Lavoro, magari in fabbrica per capire l'alienazione della classe operaia. Già fatto. (Maledetto marxismo adolescenziale)

Faccio la cameriera. Già fatto.

Lavoro in un call-center. Già fatto.

Mi butto nella politica universitaria. Già fatto.

Faccio la caporedattrice di un giornale universitario. Già fatto.

Mi tuffo nell'associazionismo senza fini di lucro. Già fatto.

Organizzo una protesta in piazza. Già fatto.

Divento vegetariana. Già fatto.

Giro il mondo. Già fatto, ma ancora troppo poco.

Ma i quasi adulti come me, ma normali....

Che fanno??

Ma ci si sposa, che domande...

Beh in Agenda per il 2009 ho ben 4 matrimoni che si intrecciano tra i turni di 24 ore e le settimane di notti in clinica. Qualche data d'appello d'esame. Un groppone alla gola.

Cos'è? un'epidemia...e quando apro l'agenda e spiego quelle pagine fitte fitte che in solo 4 facciate riassumono tutto il calendario del 2009, leggo MATRIMONIO, qui e lì e ancorà là e...e mi prende l'ansia da matrimonio...esiste? mah...

I miei amici si sposano. I miei amici sognano e io nei loro sogni, il giorno del loro matrimonio, scappo con indosso l'abito da sposa.

E io? sono una tipa da matrimonio? Non ero una di quelle bimbe che da piccola giocava a far sposare Barbie, se mi devo immaginare, direi che potrei assomigliare solo alla sposa cadavere...

Mio padre dice solo:

"CHI SARALO MAI QUEL PUARET CHE'L TE MARIDA A TI"

sabato 17 gennaio 2009

La Regina dai Cento Amanti

"Gli uomini, pensa, mi trovano bella" mi disse Elena una volta che ci confidavamo i nostri segreti.

"E lo sei, Elena" Le dissi.

"Per me tu sei altrettanto bella, Penelope" disse Elena "Hai qualcosa di unico. Tutte le donne ti ammirano"

"Ma tutti gli uomini ammirano te, Elena" replicai "Non vengono qui per me"

Elena alzo le spalle. "Di uomini ne basta uno. Non ne posso sposare quaranta, e vedrai che fra tutti questi spasimanti ce ne sarà almeno uno che alla prima occhiata sceglierà te"

Aveva ragione. Odisseo era venuto a Sparta con gli spasimanti di Elena, ma quando vide me dimenticò lo scopo per cui era venuto.

Odisseo...

Lo sentii parlare prima di sapere chi fosse. Udii la sua voce, e sentii un brivido alla radice dei capelli, come se avessi morso un limone.

"Elena, chi è quell'uomo?"

"Quale uomo intendi?"

"Quello che sta parlando con Agamennone e gli altri"

"Vediamo un pò. Il Grande Aiace?Il piccolo Aiace?"

"No naturalmente!Ma ascolta, ascolta: sta dicendo qualcosa. Fanno tutti cerchio intorno a lui"

"Sarà sicuramente Odisseo di Itaca"

"Oh no, non quell'Odisseo!" Esclamai delusa.

"Lo conosci?"

"No. Sì. Non so. Mi si è avvicinato una volta, in giardino. L'ho trovato un giovane noioso, rozzo,goffo e appiccicoso"

"Odisseo?Odisseo rozzo , goffo e appiccicoso?Odisseo noioso?"

"Così mi è parso. Mi si è messo alle calcagna. E io non avevo nessuna voglia di parlare con lui, così sono fuggita."

"Lo hai piantato in asso?Odisseo di Itaca?Non posso credere alle mie orecchie"

"Cosa c'è di speciale in Odisseo di Itaca?Lo trovi speciale tu?Vuoi per caso sposarti con lui?"

"Io? Con Odisseo? No di certo, neanche per sogno"

"Perchè neanche per sogno?Cosa gli manca?"

"Ha troppo poco da offrirmi. Menelao offre molto, molto più di lui"

"Non possiamo avvicinarci un pò?Vorrei sentire cosa dice"

"No, noon possiamo, Penelope. Non sta bene"

Elena salì al piano di sopra, e io rimasi lì in fondo alle scale. La voce di Odisseo mi tratteneva. Ma quando lui mi vide e venne verso di me, non capii più cosa mi prendeva, e corsi di sopra. Che cosa volevo, insomma?Lo cercavo e lo evitavo. Facevo di tutto perchè mi guardasse e mi nascondevo ai suoi sguardi.

Non sapevo che fare, ma tutto era già stato deciso per me.

"Odisseo di Itaca vuole sposarti" mi disse Elena.

...

Naturalmente mio padre acconsentì, cha altro poteva fare? E io mi sentii profondamente umiliata. Ora a Sparta tutti sanno che io sono servita da moneta di scambio per la cara pace. Odisseo venne da me ad affare concluso, ma io gli voltai le spalle e corsi via. Lui mi corse dietro chiamando il mio nome:

"Penelope!Penelope!"

Mi fermai. Anche lui si fermò, allargò le braccia in un gesto desolato, come volesse alzarsi in volo e disse: 

"Cos'hai contro di me?"

Cosa avevo contro di lui? Mi faceva sentire debole e spaurita, ecco che cosa avevo contro di lui. Ma, in  nome del cielo, com'era possibile che proprio quell'uomo ambiziosostesse in un atteggiamento così umile davanti a me? Com'era possibile che fosse in mio potere rendere così debole e spaurito un uomo che aveva potuto costringere mio zio e il mio inacessibile padre a far quel che voleva?

"Cos'hai, penelope, contro di me?"

"Niente, per la verità" gli dissi.

E lo amai, lo amai. Era vero quel che aveva detto Elena:un uomo basta. Un uomo come Odisseo. Lo seppi quando, dopo le nozze, partii con lui per Itaca e mio padre ci corse dietro con il suo carro, piangendo per tutta la strada , perchè voleva trattenerci a Sparta. 

"Penelope, bambina mia!Rimani qua Penelope: morirò se te ne vai". Io mi tirai il velo sul viso e restai con Odisseo. 

Dicono di Odisseo, Imme Dros

Cento principi per una regina


Eccola che viene. Oh Penelope, mia regina!

Il suo passo danzante...

Non so resisterle.

Il suo sguardo!Mi ammicca col suo sguardo!

Ah, inseguirla fra il grano...

E' divina. Fuoco sotto il ghiaccio.

Artemide in persona, raggiante tra le dee.

Artemide e Atena in una sola persona.

Penelope, bella, altera Penelope.

Sposerò Penelope: l'avvoltoio volava a destra.

Braccia bianche come avorio tornito...

Morbida come panna, come Afrodite stessa!

Occhi di colomba al disopra del velo.

Quanto tempo ancora? Quanto tempo ancora?

Quando l'avrò, pigolerà come una rondine.

Stasera mi faccio almeno tre schiave.

Sposerò io Penelope.

Penelope o nessuna.

Il suo collo mi fa impazzire.

Sposerò io Penelope.

Eterni dèi, datemi Penelope!

Occhi di cerbiatta, teneri occhi di cerbiatta!

Penelope e io siamo alla stessa altezza.

Penelope mi ha scritto due lettere.

Penelope mi ha sorriso accanto alla colonna.

Io posso offrirle la dote più ricca.

Sposerò io Penelope.

Imparerà chi è che comanda.

Mi fa segno con le belle ciglia.

Il figlio di Penelope morrà.

Sposerò certamente Penelope.

Suo padre e mio padre erano amici.

A Penelope piacciono gli uomini d'ingegno.

Sposerò Penelope, se è volere di Zeus.

Il palazzo va rifatto, butterò giù quel muro...

Quando avrò quarant'anni lei ne avrà sessanta...

Melanto è un buon bocconcino, mi prendo anche kei.

Sposreò la regina Penelope.

Ah, se mi conoscesse meglio...

Imparerà a conoscermi.

La questione è: potrà ancora darmi un erede?

Per esser bella è bella.

Io me l'intendo con Telemaco.

Quel vecchio Laerte è eterno!

I suoi occhi sono unici, il resto non si vede.

Quel che pensa lo si può indovinare.

Sposerò Penelope, ora ne sono certo!

Quanto avrà offerto Antinoo?

Quanto offrirà Eurimaco?

All'occorrenza venderò un'isola.

Diventerò re di Itaca.

Non c'è un'altra come Penelope.

Fossimo ad Argo, saremmmo in diecimila.

Che occhi, che immensi occhi.

Che splendida figura.

Se m'invita nel suo letto....

Sposerò io Penelope 

Sposerò io Penelope 

Sposerò io Penelope 

Ha un collo di cigno.

Caviglie eleganti, mani delicate.

E'ben fornita.

La sposo io, Penelope.

La sposo io, Penelope.

La sposo io, Penelope.

Come avanza leggera sui sandali.

Mia sposa, mia amata.

La stritolerò!

La sua voce mi esalta.

Che importa qualche annetto di più?

Il ragazzo deve togliersi dai piedi!

La sposo io, Penelope.

La sposo io, Penelope.

Le sue mammelle sono come due pomi.

Un colpo alle spalle.

Lunghe, lunghe gambe.

La sposo io, Penelope.

La sposo io, Penelope.

Io l'amo.

La sposo io, Penelope.

le sue labbra scarlatte.

I suoi fianchi sono torri d'avorio.

I suoi capelli lucenti come uno scudo forbito.

Miele dolce come un miele dolce come il miele..

Con Penelope in una vigna tranquilla...

Le sue guance morbide come piuma d'oca.

Aspettare , contare i giorni.

Sono malato d'amore.

La sposo io, Penelope.

Sposerà me.

Io,

io,

io,

io,

io,

io,

io,

io,

io,

io,

io.

Dicono di Odisseo, Imme Dros

giovedì 15 gennaio 2009

la frase del giorno e la parola della settimana

E: beh, ormai considero "gestazione" la mia
parola della settimana!


Devi: speriamo che la mia non sia "inculata"!

martedì 13 gennaio 2009

COSTRUZIONI RURALI

DOPO UNA VELOCE SPIEGAZIONE SULLE MODALITA' D'ESAME CAPISCO SUBITO CHE LA QUESTIONE SI FA SERIA














BISOGNA
COLLEGARE IL MONACO
AL PUNTONE
















ATTRAVERSO LE SAETTE......
(!!!!!)



le immagini rappresentano ciò che ho avuto in mente attraverso una geniale intuizione, madoooo!!!

(è TUTTO VERO)

Sfogo estemporaneo in fa minore

E’ inutile. Proprio inutile.

Ne faremo mai una giusta? Noi donne, dico, intrappolate nei ruoli che la vita quotidiana ci assegna, sempre nuovi, sempre diversi, e guai se non ci adeguiamo prontamente.

Ti trucchi con cura ed attenzione tutti i giorni e ti metti d’impegno per apparire sempre al tuo meglio?

La reazione di Lui: “Sei troppo finta… ti preferirei acqua e sapone… staresti bene anche con qualche filo bianco nei capelli…” (poi gli capiti davanti senza trucco ed esclama: “Minchia che faccia! Sembri un ripieno di Giovanni Rana” e ti molla per una lolita ventenne)

Ti lasci nature, pantaloni e scarpe da ginnastica comode, che ti permettano di saltare ballare e fare quello che ti pare per essere gioiosa e spontanea, insomma, il meno finta possibile?

La reazione di Lui: “Eh, ma dovresti curarti di più… Tu sei già bella (cercando di nascondere la faccia da pietosa bugia) ma con un po’ di trucco saresti bellissima…” (e poi lo becchi la sera tardi su youporn a guardare le stramaiale con i taccazzi a spillo da dodici e i reggiseni in similpizzo trasparente)

Punti sul fascino fisico?

Lui: “Coome, non sai chi è Fritz Lang?!?!”

Punti sul fascino dell’intellettuale, cercando di intrigarlo mentalmente?

Lui: “Ti ricordi di quella mia ex…? Be’, adesso fa la modella di biancheria intima… cavoli, averlo saputo prima!”

Cerchi di essere trasparente e dirgli tutto quello che provi?

Lui: “Ma insomma, ci sono cose che non si devono dire, non l’hai ancora capito?!”

Cerchi di non annoiarlo con tutto quello che ti passa per la testa?

Lui: “Pucci pucci, ma cosa c’è? Non è che non mi vuoi più bene, eh? Non mi dici mai niente…”

Sei gelosa?

Lui: “Andiamo, non essere stupida, è solo un’amica… è vero, siamo usciti insieme un paio di volte da soli e sarebbe potuto succedere di tutto, ma che c’è, non ti fidi più di me?!”

Non sei gelosa?

Lui: “Eh, ma tu non ci tieni veramente a me, potrei andarmene con la prima che passa e tu non faresti una piega…”

Esci?

Lui: “Ma insomma, mai una sera che si possa stare tranquilli a casa… noi due soli…”

Non esci?

Lui: “Ma insomma, sei la solita muffa, non si può…”

Insomma, sorelle streghe, la morale è che Lui non sarà mai, dico mai, contento. Ci sarà sempre qualche altra più figa, più intelligente, più simpatica, più porca, più… andate avanti voi. E allora? Be’, le soluzioni sono varie e ognuna sceglie quella che le va più a genio… è comunque è indubitabile che Saffo, nel quinto secolo Avanti Cristo, aveva già capito tutto, mentre gli uomini, dopo millenni di presunta evoluzione, sono ancora fermi all’età della pietra!

"un momento di pura introspezione"

"Strano, lo sguardo del cane che spinge. È sempre una faccenda che lo assorbe molto. Preferirebbe non essere visto, vorrebbe tanto guardare altrove, ma la cosa richiede tutta la sua concentrazione. Si tratta di ottenere un equilibrio pendolare del treno posteriore, di calcolare un'esatta verticale, di non farsela sulle zampe e di non caderci seduto dentro. Un gran numero di parametri da valutare contemporaneamente. Si vorrebbe fare in fretta e con discrezione, ma l'evento richiede lentezza, esige applicazione. La fronte si corruga, il sopracciglio si aggrotta. Se c'è una circostanza della sua vita in cui il cane sembra pensare, un momento di pura introspezione, è quando spinge."


non riesco a trovare il testo de "La passione secondo Therese! che vi ho letto al Sabba...intanto ho trovato questa immagine direi altrettanto poetica tratta dalla stessa opera di Pennac.

lunedì 12 gennaio 2009


Oh dolce fra le mortali mie vestali,

la più solerte tra le venuste oranti,

illa pulcherrima

con perseverantia me invochi saepe cotidie (e non ce la faccio più)

e sine ritegno

ut celticus masculo da picassiane fattezze

a te si conceda

al fin di placar la magna sete dei tuoi lussuriosi lombi

ergo libido et impudicizia siano tecum

per conquistar il tuo di-letto  

consiglio pathos nella fattispecie Genepi,

poichè i barbari di lassù con gaudio gradiscono

intrugli alcolici siffatti .

Intercederò presso Afrodite Callìpigia (dal bel sedere), 

nata dalla spuma di Oceano

e presso il suo Eros Amachanon (al quale non si può resistere)

affinchè lo sovraespresso disio tuo

prontius si concretizzi

et oro ut membrum non sia un torroncino

tamquam  le troppo tue frequenti offerte votive

dell'altra notte, e precedenti esperienze

Oro quoque sian conciliabili gli intenti politici et sessuali

Oh presto copulata domina,

ea quae tra tutte sola

può veder sorger Eos Dita di Rosa

ad occidente et sola ducit tecum pensieri

sittanto divini riguardo alla sottoscritta

m'adopererò affinchè appetitus et voluntas tua

siano soddisfatti.

Vale

Colei che si sballa come una Dea,

ma che non lo è del tutto (manca ancora l'ubiquità, poi ci siamo quasi...)