sabato 31 ottobre 2009

Il tango delle assassine


Treno.
Apro il mio libro e attacco a leggere



"Erano tutte donne;
e tutte sui trent'anni, a parte una.
Frances lo presentò a ognuna di loro:
Sally e Moira, che avevano l'aria da dure,
lo ignorarono completamente,
si versarono del vino bianco in un bicchiere di carta
e si ritirarono nell'angolo più lontano della stanza
(Moira, Will notò con interesse, indossava una maglietta con la faccia diLorena Bobbitt);
poi c'erano Lizzie,
che era piccola, dolce e un po' svitata;

...

«Vediamo chi c'è qui...
La donna con la camicia di jeans laggiù, per esempio.
Suo marito se n'è andato perché pensava che il loro figlioletto non fosse suo.
Umm... Helen... chennoia... il marito se n'è andato con una del suo ufficio...
Moira...si è dichiarato dell'altra sponda...
Susannah Curtis... penso che lui tenesse in piedi due famiglie...»
Esistevano infinite,

ingegnose
variazioni sullo stesso tema.
Uomini che davano un'occhiata al loro nuovo bambino
e se ne andavano,
uomini che davano un'occhiata alla loro nuova collega
e se ne andavano,
uomini che se ne andavano per il gusto di andarsene.
Will capì al volo la santificazione di Lorena Bobbitt
da parte di Moira;
una volta che Suzie ebbe finito la sua litania di tradimenti e inganni,
a lui era venuta voglia di tagliarsi via il pene da solo con un coltello da cucina"




Rido molto,
e la ragazza che mi sta di fronte mi guarda come se fossi una mentecatta.

Sono molto stanca perchè viaggio tanto.
Lavoro tanto.
Studio tanto.
E dormo poco,
così poco
che nei peggiori momenti di debolezza,
proprio quando vorrei spegnere
tutti questi pensieri
quando vorrei riuscire a non pensare
a nulla...

Siamo in palafitta,
c'è il giusto tepore sotto l'enorme
trapuntone.
Dormo apppoggiata al suo petto.
E non è strano.
E' come sempre è stato.
Come non è da troppo.
Suona la sveglia.
Mi allungo
strusciandomi
su di lui
per raggiungerla.
La voglio spegnere,
non riesco.
Mi guarda e mi sussurra
"Buongiorno..."
E questa sua voce però è strana
"Mi scusi, buongiorno.."
Non riconosco proprio questa voce
"Biglietti, prego...."




Ripiombo tra le braccia di Morfeo
e mi dico che sono una donnetta facile
...








3 commenti:

Catalpa Bignognoides Nana ha detto...

L'ho amato più di quanto fosse possibile...certe divergenze ci sono sempre...lui vede se stesso come vivo, e io lo vedo MORTO!

Catalpa Bignognoides Nana ha detto...

Cardi: " Aiutami a trovare una traduzione per corpi che stanno morendo di fame..."

Catalpa: "Ehm...potresti dire che so, defedati o cachettici!!"

Cardi: "EEEEEEEEEEEEEEEEeeee???Mai sentito, e poi sto traducendo un discorso di Obama che parla al popolo Americano, mica posso usare termini quali DEFETTICI!"

Catalpa "eh, no, anche perchè non esiste..."

Catalpa Bignognoides Nana ha detto...

Cardi: "la tua mancanza di romanticismo mi rattrista"

Catalpa: "Beh, il tuo eccesso di romanticismo, mi nausea!"